Lista Prodotti Cancerogeni Herbalife

grilloPRODOTTI ALIMENTARI DI MARCA: Cancerogeni e Oncogenici. Beppe Grillo comunica la LISTA NERA!!! (C’è Anche Herbalife)

Due scienziati di Modena insieme a Beppe Grillo hanno condotto uno studio privato per analizzare i prodotti alimentari regolarmente venduti in Italia e nel mondo.

In questo studio è emerso un fatto troppo importante per continuare ad essere ignorato che riguarda la protezione della nostra salute. Nei prodotti alimentari di marchi noti sono stati trovati particelle di metalli pesanti altamente cancerogene che provengono dal fumo di “termovalorizzatori”, che altro non sono che INCENERITORI DI RIFIUTI.

Continua a leggere

Annunci

Herbalife con Efedrina e fa Malissimo

herbalife_001840Alcuni dei prodotti originali Herbalife per il controllo del peso contengono ingredienti in America come Ma Huang o Sida cordifolia, due erbe che contengono efedrina, un controllore dell’appetito.

L’utilizzo dell’efedrina fu bloccato nel 2002 dopo che diversi Stati USA vietarono l’uso di sorgenti botaniche di alcaloidi di efedrina negli integratori.

La Food and Drug Administration, l’organismo più severo nel controllo delle sostanze alimentari, mise al bando gli integratori alimentari Hderbalife contenenti efedrina nell’anno 2004.

Nel 2005 il Ministero della Salute di Israele avviò un’investigazione a carico di Herbalife dopo che a quattro persone che usavano i suoi prodotti herbalife furono diagnosticati problemi di fegato.

I prodotti Herbalife sono accusati di contenere ingredienti tossici come il Qua-qua, il Kompri ed il Kraska.

I prodotti sono stati analizzati dal laboratorio Bio-Medical Research Design LTD (B.R.D), ad un laboratorio privato negli Stati Uniti ed al laboratorio del Centro Forense di Ricerca di Israele.

Continua a leggere

Herbalife indagata per truffa: si sospetta un sistema di vendita piramidale, vietato per legge perché ingannevole

latruffaherbalifeLa Federal Trade Commission (FTC) statunitense ha aperto un’indagine per truffa nei confronti di Herbalife, azienda specializzata in integratori alimentari per il controllo del peso e la cura della pelle. Nel dare la notizia la società si è definita “una compagnia finanziariamente forte e di successo, che ha creato un significativo valore per gli azionisti e importanti opportunità per i distributori, influenzando positivamente la vita e la salute dei suoi consumatori per oltre 34 anni”. Sul sito italiano della compagnia si legge che “Herbalife è insieme corretta Nutrizione e opportunità di lavoro”.

La FTC sospetta che Herbalife abbia adottato un sistema di vendita piramidale, vietato dalla legge perché ingannevole, in cui i guadagni della compagnia derivano essenzialmente dal continuo reclutamento di venditori, sui quali vengono scaricati i rischi, più che dalla vendita dei prodotti ai consumatori. Continua a leggere

Diffidate di Herbalife – Leggete Bene

diffidateAvete mai provato a cercare informazioni su lavori da fare a casa tramite internet nei ritagli di tempo, per arrotondare lo stipendio a fine mese? Io sì, lo faccio regolarmente. Ed ancora adesso, dopo anni, mi illudo di trovare qualcosa di serio, che non dico mi faccia diventare milionaria, ma almeno mi permetta di togliermi qualche sfizio in più. Purtroppo però fino ad oggi mi sono sempre imbattuta in grandi delusioni. Come qualche mattina fa.
Essendo iscritta a numerosi siti di offerte di lavoro, ricevo regolarmente una serie di newsletter. Di recente in una di queste ho trovato l’annuncio di una ditta chiamata Evolife che offre, appunto, un lavoro da fare a domicilio tramite pc.

Continua a leggere

Herbalife sempre più truffa, sia dal punto di vista dei guadagni che salutare!!!

indexhVi prego, state lontano da Herbalife! E’ una truffa vera e propria.
E lo e’ per svariati motivi:
1)si dimagrisce, e’ vero, ma si dimagrirebbe comunque, visto che si introducono pochissime calorie e per giunta si hanno problemi di dissenteria notevoli visto i liquidi che si introducono (Sono beveroni sostitutivi dei pasti).
2)Sono comunissimi integratori dietetici simil Peso Forma, Slim fast e altre porcherie per dimagrire all’ultimo minuto!
3) si fondano su una vendita Multilevel, truffa allo stato puro, dove per guadagnare cercano di rifilare ogni cosa, dove promettono guadagni astronomici e ti incitano a entrare a far parte del loro mondo!
4) i prezzi dei prodotti sono pazzeschi! Il minimo che spendi per un mese sono circa 120/150 euro e ti rifilano niente popo’ di meno che un the solubile, un barattolo di sostitutivo dei pasti, e delle compresse di integratori. (se tutto va bene).
5) in sostanza un tizio (puo’ avere solo la terza media) si improvvisa nutrizionista dicendoti come perdere peso, rifilandoti ogni miracolo da loro sponsorizzato!

Herbalife nasce nel 1980, negli Stati Uniti. Vende prodotti nutrizionali, dietetici e cosmetici, è QUOTATA al Nasdaq, e nel 2000 ha raggiunto un volume di vendita di 1,8 miliardi di dollari. Fondatore e presidente della società è stato Mark Hughes, MORTO a soli 44 anni nel maggio del 2000, per un blocco respiratorio causato da un eccesso di alcool e antidepressivi (in barba al fatto che Herbalife ti fa sentire bene, energico e pieno di vitalita’). Dopo una rapida espansione iniziale, alla metà degli anni Ottanta Herbalife dovette fare i conti con pesanti problemi legali. La Food and Drug Administration (lorganismo federale americano incaricato di controllare il mercato dei medicinali e proteggere il consumatore) e la Procura Generale dello Stato della California contestarono sia i metodi di distribuzione multilivello, sia le asserzioni sulle proprietà dei prodotti Herbalife che sarebbero stati in grado di far perdere decine di chili senza colpo ferire, oltre che di curare e guarire ogni sorta di malattia. Dopo un lungo braccio di ferro legale, nellottobre del 1986 Hughes ed Herbalife accettarono di pagare una penale di ben 850mila dollari, pur di chiudere la vertenza.

Detto questo, non cadete nella trappola. Mia cognata l’ha fatto, e’ dimagrita 30 Kg in 3 mesi e mezzo. Una volta smesso con Herbalife non solo se ne e’ ritrovati 38, ma per intere settimane la bombardavano al telefono!

Herbalife è una piramide fraudolenta

indexhDAL NOSTRO INVIATONEW YORK ? Herbalife, le scatoline di pillole di integratori alimentari dall?aspetto quanto mai innocuo che popolano scaffali e banconi di negozi e farmacie, sono da due anni oggetto di una battaglia ciclopica e senza esclusione di colpi tra William Ackman, uno dei re degli «hedge fund», convinto che la società sia stata costruita su una truffa colossale, e alcuni dei finanzieri più potenti e spietati di Wall Street, da Carl Icahn a George Soros, che, invece, fin qui hanno sostenuto Herbalife.Ackman, che di certo non è un angioletto, già a fine 2012 aveva scommesso un miliardo di dollari sul crollo della società parafarmaceutica attraverso la sua compagnia d?investimenti, Pershing Square Capital Management. Il finanziere ha convinto la Sec ad aprire indagini, è andato a trovare uno per uno molti membri del Congresso per spiegare loro che Herbalife altro non è che un castello di carte: una sorta di «schema Ponzi» che si regge sul reclutamento continuo di venditori, soprattutto povera gente, che alla fine saranno quelli che pagheranno il conto più salato dell?inevitabile disastro.Dopo molti alti e bassi, con Herbalife che si è difesa sguinzagliando eserciti di lobbisti nel Parlamento di Washington e l?«authority» che sorveglia la Borsa, la Sec, che non è riuscita fin qui a formalizzare nessuna accusa precisa contro la società, una svolta sembra arrivare ora con la decisione di un altro importante ente federale di controllo, la Federal trade commission (Ftc), di aprire un?

Continua a leggere

Herbalife sotto inchiesta


Il quartier generale di Herbalife a Torrance, in California. (Patrick Fallon, Bloomberg/Getty Images)

La Federal trade commission (Ftc), l’istituzione statunitense che tutela i diritti consumatori, ha aperto un’inchiesta sull’azienda di integratori alimentari Herbalife, sospettata di essere gestita come una società di truffa piramidale.

La notizia ha causato un crollo del titolo di Herbalife a Wall street: nella giornata del 12 marzo ha chiuso a 60,5 dollari per azione perdendo il 7,4 per cento del valore, dopo essere scivolato fino a 54,5 dollari.

La compagnia è stata fondata nel 1980 e ha quattromila dipendenti e 2,7 milioni di distributori in novanta paesi. Nel 2013 ha registrato introiti per 4,8 miliardi di dollari con una crescita del 18 per cento rispetto al 2012. Ha la sede fiscale alle isole Cayman, mentre il quartier generale è a Torrance, vicino a Los Angeles. Come spiega la Bbc, Herbalife è accusata di adottare uno schema di vendita basato sul reclutamento di nuovi affiliati e non sul commercio vero e proprio. Un sistema ritenuto ingannevole perché promette forti guadagni agli investitori a patto che questi trovino nuove reclute.

Herbalife ha assicurato di voler “cooperare pienamente”con la Ftc.

Truffa piramidale Herbalife

Truffa piramidale, ovvero alla base alcuni individui investono dei soldi che, una volta arrivati in cima alla piramide si ritireranno con gli interessi. Peccato, però, che in cima alla piramide nessuno mai ci arriverà e nessuno mai ti restituirà la spesa inizialmente fatta. E’ questo il principio sul quale, secondo la Federal Trade Commission, si basa la società di integratori alimentari statunitense Herbalife che ha annunciato poche ore fa di essere stata messa sotto inchiesta.

Il miliardario William Ackermann, proprietario dell’hedge fund Pershing Squera Capital Management, avrebbe sollecitato l’inchiesta ben accolta dalla società di integratori dimagranti per “migliorare la tremenda quantità di disinformazioni che ci sono sui mercati”. “Siamo fiduciosi – si legge in una nota – che Herbalife sia in regola con le leggi vigenti e la regolamentazione”.

A dirla tutta il meccanismo manageriale sul quale è basata l’attività di Herbalife non convince molto: si entra acquistando l’IBP (International Business Pack), un pacchetto che contiene l’essenziale per entrare nella filosofia commerciale Herbalife e cioè assumere in prima persona gli integratori per testarne l’efficacia e poi rivenderli a conoscenti, parenti e amici. Il Piano Marketing Herbalife si espande attraverso il passaparola con la promessa di un facile guadagno. Il rischio è che la piramide non può moltiplicarsi all’infinito per cui ad un certo punto crolla. E i soldi versati servono soltanto a remunerare chi è collocato al vertice della piramide.

TRUFFA HERBALIFE,EFFETTI COLLATERALI PER LA SALUTE,CANCRO ALLA TIROIDE,DISSENTERIA,DANNI IRREVERSIBILI AL FEGATO.

Non so quanto questa la “piaga” Herbalife sia diffusa per l’Italia, onestamente spero il meno possibile.Circa due anni fa mia mamma (che è in sovrappeso) è stata coinvolta in questo giro con la “promessa” (sottointesa e mai espicita) di perdere peso e migliorare la sua vita. Per usare la parole del distributore “essere ed apparire al meglio”. È diventata pure una distributrice ed ha cominciato ad invadere la casa di questi prodotti.Come naturale reazione, avendo seguito tutta una serie di corsi (obbligatori per diventare cintura nera di karate) di anatomia e nutrizione e seguendo da anni il metodo Albanesi, ho cercato di studiarli per conto mio.Questo che sto per scrivere è la mia piccola e personale analisi, se qualcuno con competenze maggiori ha delle correzioni, ben venga!Quello che ho potuto notare è che i prodotti disponibili in Italia (e dico questo perché i prodotti variano a differenza della nazione, il ché la dice lunga) è che ci sono sostanzialmente due specie: i prodotti assolutamente inutili fatti per ingrossare il portafoglio della suddetta multinazionale (fondata da Mark Reynolds Hughes nel 1980, operante in 75 paesi e con un fatturato di 2,734 miliardi) ed i prodotti scarsamente utili.
Continua a leggere

Herbalife indagata per truffa

Herbalife_Logo

La Federal Trade Commission (FTC) statunitense ha aperto un’indagine per truffa nei confronti di Herbalife, azienda specializzata in integratori alimentari per il controllo del peso e la cura della pelle. Nel dare la notizia la società si è definita “una compagnia finanziariamente forte e di successo, che ha creato un significativo valore per gli azionisti e importanti opportunità per i distributori, influenzando positivamente la vita e la salute dei suoi consumatori per oltre 34 anni”. Sul sito italiano della compagnia si legge che “Herbalife è insieme corretta Nutrizione e opportunità di lavoro”.

 

La FTC sospetta che Herbalife abbia adottato un sistema di vendita piramidale, vietato dalla legge perché ingannevole, in cui i guadagni della compagnia derivano essenzialmente dal continuo reclutamento di venditori, sui quali vengono scaricati i rischi, più che dalla vendita dei prodotti ai consumatori. Herbalife, che opera in un centinaio di Paesi e ha la sede legale alle Isole Cayman e quella operativa in California, conta quasi due milioni di distributori indipendenti, ai quali vengono promessi forti guadagni, a patto che trovino nuovi distributori, come in una catena di Sant’Antonio.

 

herba

L’indagine della FTC viene dopo mesi di campagna e azioni di lobby contro Herbalife da parte del miliardario William Ackman, che guida l’hedge fund Pershing Square Capital Management e che ha investito circa un miliardo di dollari scommettendo sul veloce tracollo della compagnia, causato proprio dalla sua struttura di vendita piramidale. Dopo la notizia dell’indagine della FTC, il titolo di Herbalife ha perso oltre il 7% in un giorno.

 

Beniamino Bonardi